Matrimoni da favola nei luoghi di pregio storico del Chianti

La giunta comunale ha approvato la delibera che istituisce due nuove sedi decentrate per la celebrazione di riti civili: la Terrazza panoramica del Museo San Fr

Data:

27 Aprile 2022

Tempo di lettura:

2 min

Descrizione

Greve in Chianti, 27 aprile 2022. Matrimonio con vista sulle bellezze del Chianti. Il Comune di Greve offre l’occasione di pronunciare il fatidico sì e vivere uno dei momenti più belli della vita in location da sogno. Oltre agli spazi comunali, come la sala consiliare, la giunta Sottani lancia il progetto di valorizzazione e promozione del territorio attraverso la celebrazione del rito civile in ambienti esterni al palazzo comunale, disseminati sul territorio. L’amministrazione investe sul turismo matrimoniale e mette a disposizione siti inediti di elevato pregio storico, culturale e ambientale, presenti negli edifici e negli spazi che sul piano architettonico e paesaggistico raccontano la storia e l'identità del Chianti, crocevia culturale di origine millenaria.

Il matrimonio in terrazza, con affaccio panoramico sul capoluogo, o in un’antica cappella avvolta dall’abbraccio dei boschi di montagna, alle pendici dei Monti del Chianti, diventa realtà. “Abbiamo deciso di incrementare l’appeal delle location matrimoniali – dichiara il Sindaco Paolo Sottani – considerate le rilevanti potenzialità ambientali e culturali di cui è dotato il patrimonio grevigiano”. Il Comune ha stabilito, con l’approvazione di una delibera di giunta, di istituire uffici di stato civile separati e decentrati in alcuni degli edifici di maggior pregio del territorio sotto il profilo storico-culturale e paesaggistico. Si tratta dell’antica Cappella di San Michele, disponibile al termine di alcuni interventi di riqualificazione, e della Terrazza panoramica del Museo di San Francesco.

“Tali strutture che si evidenziano per il particolare pregio storico-artistico – precisa l’Assessore al Turismo Giulio Saturnini – non solo valorizzano il territorio comunale ma possono rappresentare spazi d'interesse per la celebrazione di matrimoni e la costituzione di unioni civili”. 
“Dopo due anni di stop imposto dall'emergenza sanitaria riprendiamo l’attività di promozione legata al wedding - chiosa il Sindaco - uno dei punti di forza nell'ambito delle politiche turistico-culturali, una spinta propulsiva che assume anche un valore economico in questo momento e dà una risposta alle esigenze delle coppie italiane e straniere che scelgono il Chianti come location ideale per il loro matrimonio”. La location di San Michele sarà disponibile a seguito dei lavori di ristrutturazione dell'edificio programmati dall'amministrazione comunale.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

04/05/2022 - 10:43