Il calcio delle donne

Impazza la voglia di giocare a calcetto tra le ragazze con meno di 20 anni. Sanca Gialla e Sanca Verde le due squadre capitanate da Gaia Zecchi

Data:

17 Febbraio 2022

Tempo di lettura:

3 min

Foto squadra calcetto femminile

Descrizione

SAN CASCIANO IN VAL DI PESA, 17 febbraio 2022. Ventisei chiantigiane ed un’età che di media supera di poco i venti anni scelgono di mettersi in gioco e coltivare sogni, talento e spensieratezza correndo dietro alla sfera più amata dal mondo, il pallone da calcio. Sono le ragazze, piene di passione e grinta, che costituiscono la formazione di calcetto amatoriale della U.S. Sancascianese, nata da circa due anni e ripartita qualche settimana fa, dopo l’ultima ondata epidemiologica che ne aveva imposto l’interruzione. Il rinascimento del calcio sancascianese, in versione post-emergenza, ha un segno marcatamente femminile che promuove e valorizza la cultura dello sport, come veicolo di socialità e interazione, capace di abbattere il muro dello stereotipo.  Amicizia, complicità, solidarietà sono le molle che contraddistinguono l’interesse per il calcio nelle giovani sancascianesi, motivate e attratte dal desiderio di sperimentarsi in qualcosa di nuovo.

Da ex-danzatrici, ginnaste, pallavoliste, le ragazze investono il loro tempo libero sul campo da calcetto del capoluogo, creando un gruppo unito e solidale, allenato da coetanei dell’altro sesso. I mister, dal canto loro, non nascondono l’entusiasmo per il percorso di crescita delle atlete. “Nessuna di loro ha mai giocato a calcio – dichiarano Alessio Aiosa, Massimiliano Borri, Lorenzo Chiaro, Andrea Ciappi, Tommaso Coli e Alessandro Matteuzzi – eppure in pochi mesi hanno compiuto passi da gigante, migliorano progressivamente e i risultati si cominciano a raccogliere”.

A premiare le donne del calcio sancascianese sono la costanza nell’allenamento e la voglia di condividere una passione che è diventata contagiosa perché si incoraggiano e si stimolano reciprocamente. “Per noi – tengono a dire - non sono solo motivo di orgoglio ma rappresentano e ispirano la vera essenza dello sport che unisce e crea benessere psicofisico in chi lo pratica”. Il numero delle giocatrici, che è passato da 10 a 26, ha indotto gli allenatori a costituire due squadre: la Sanca Gialla e la Sanca Verde. “Questo ci permette di far giocare quasi tutte le atlete sempre – precisano – è capitato inoltre di vederle scontrarsi e disputare la vittoria nella stessa partita, anche in questo caso, da avversarie, hanno dato il meglio di sè, entrambe le formazioni sono ad un buon livello tecnico”.

La squadra è capitanata da Gaia Zecchi che allena a titolo volontario i più piccoli. “Esprimo il più profondo apprezzamento per le giovani calciatrici  - commenta soddisfatto il Sindaco Roberto Ciappi - che dimostrano qualità umane, oltre che fisiche, e intrecciano determinazione, energia a creatività, mi congratulo anche per le iniziative di autofinanziamento che hanno organizzato coinvolgendo la comunità e diffondendo i valori che derivano dalla pratica sportiva che spaziano dal rispetto e dalla collaborazione all’impegno e al sacrificio, lo sport stimola confronto e dialogo ed ha un’importante funzione educativa, offre un contributo rilevante nel processo formativo delle nuove generazioni, questo è il motivo per cui è importante fare sport sin dall’infanzia”.

Ulteriori informazioni

Multimedia

Ultimo aggiornamento

28/02/2022 - 10:16