Unione Comunale del Chianti Fiorentino


Greve in Chianti, ombelico italiano delle Città Slow

Prende il via la vetrina dello slow style con la partecipazione di venti città italiane
Data
04 Maggio 2022

GREVE IN CHIANTI, 4 maggio 2022. Un treno dei sapori che da nord a sud attraversa la penisola e permette di valorizzare le risorse e le eccellenze di piccole grandi realtà che hanno saputo custodire il tempo e costruire la propria cultura sull’identità di un prodotto e di uno stile di vita. Il viaggio che attraversa l’Italia nel segno del vivere slow riparte da Greve in Chianti, una delle città che con l’intuito, l’impegno e l’attività amministrativa dell’allora sindaco Paolo Saturnini, diede vita nel 1999 alla rete internazionale delle città che ritrovano il tempo della lentezza, del rispetto per la salute, della genuinità delle tradizioni e della buona cucina.  L’occasione è la sedicesima edizione della Vetrina delle Città Slow, in programma sabato 7 e domenica 8 maggio dalle ore 10 alle ore 19 in piazza Matteotti, promossa e organizzata dal Comune in collaborazione con il Centro Commerciale naturale Le Botteghe di Greve.

 Torna nel cuore storico e vitale di Greve in Chianti la mostra mercato dei prodotti enogastronomici e artigianali della rete internazionale delle Città del Buon Vivere. Un mosaico di gusto e tradizioni italiane, guidate lentamente dalla chiocciola color arancio, si compone nella piazza centrale di Greve in Chianti. In ogni regione un prodotto slow che rappresenta il buon vivere, la tipicità e la genuinità della tradizione enogastronomica. La riscoperta dei ritmi più lenti coincide con l’attenzione ai temi del paesaggio e della natura, con l’esaltazione delle tradizioni culturali e culinarie. “La nostra è un’importante occasione di scambio e confronto – dichiara il Sindaco Paolo Sottani - in cui le città si promuovono non solo come mete e destinazioni ideali sul piano turistico ma lavorano per coniugare proposte di qualità e rendere attraenti le identità dei territori valorizzati sotto il profilo culturale, enogastronomico, artistico e ambientale”. 

La Campania porta dalla costa limoncello e ceramiche siglate Positano e approda nel Chianti con la pluripremiata mozzarella di Caiazzo, la Liguria si mette in piazza con le acciughe e il pesto fatto a mano di Levanto, mentre l’Emilia Romagna inonda il cuore della Toscana con tortellini e parmigiano, il pregiato prosciutto San Daniele arriverà direttamente dal Friuli Venezia Giulia. Una ventina le regioni che trascorrono il week end in collina per partecipare alla mostra mercato dei prodotti enogastronomici e artigianali della Rete Internazionale delle Città del buon vivere. Saranno presenti anche il Piemonte con la città di Bra, tra le fondatrici della rete slow, nata nel 1999, l’Abruzzo, nello specifico Guardiagrele, che si mette in mostra con il pane a legna, l’Umbria e la tradizione di Orvieto del vino bianco e del miele, le Marche con Acqualagna, centro di produzione di tartufo bianco e nero, e la Toscana stessa farà da padrona di casa con il gettonato tartufo di San Miniato e le specialità di Anghiari. A livello mondiale le città slow, facenti parte della rete, sono circa 200 di cui un’ottantina quelle italiane.

 La mostra mercato esporrà prodotti tipici e artigianali. L’apertura degli stand è dalle ore 10. Sempre alle ore 10 è previsto l’incontro del Comitato Coordinamento delle Città SlowItalia nella sala consiliare. Alle ore 15 la piazza sarà animata dall’esibizione musicale degli Amici dì Chianti. Evento clou della prima giornata, prevista alle ore 16, è l’iniziativa “Per sempre Paolo. Ricordando l’amico, il Sindaco ed il Presidente onorario Cittàslow Paolo Saturnini” con gli interventi del Sindaco Paolo Sottani, di Stefano Pisani, Presidente Cittaslow Italia e Pier Giorgio Oliveti, Direttore Cittàslow international. Nel corso dell’evento si terrà la presentazione del volume di Paolo Saturnini, “Anima e Cuore, manuale del sindaco Slow”, curato dal figlio Giulio Saturnini. L’evento è organizzato in collaborazione con il Comitato Genius Loci di Greve in Chianti. Domenica 8 maggio alle ore 16.30 la manifestazione propone un viaggio nella tradizione dei canti popolari con la Compagnia dei Ricomposti di Anghiari. Il Comune di Anghiari parteciperà alla vetrina italiana delle Cittàslow anche con un passaggio in bicicletta di un gruppo della cicloturistica “L’Intrepida” e lo stand in cui si terranno dimostrazioni di lavorazioni ad intarsio e laboratori per bambini dedicati alla cucina.  Nella due giorni saranno presenti il mercatino degli Artigiani all’opera e lo stand dei Viticoltori di Greve in Chianti con la possibilità di visitare le cantine delle loro aziende. Per prenotazioni: www.viticoltorigreveinchianti.com.
Informazioni: Ufficio Promozione del territorio: 055 8545271.

A cura di

Ufficio Stampa Associato Unione Comunale del Chianti Fiorentino
Riferimento telefonico
335 1601893
Riferimento mail
cinziadugo@gmail.com
Argomenti
Greve
Turismo
Cultura

Source URL: https://www.unionechiantifiorentino.it/novita/comunicati-stampa/greve-chianti-ombelico-italiano-delle-citta-slow