Descrizione

Il "Bonus elettrico" prevede il riconoscimento di una riduzione della spesa per la fornitura di energia elettrica sostenuta dai clienti domestici in condizioni di disagio economico o in gravi condizioni di salute tali da richiedere l'utilizzo di apparecchiature elettromedicali necessarie per la loro esistenza in vita.

Il "Bonus Gas" è una riduzione sulle bollette del gas riservata alle famiglie a basso reddito e a famiglie numerose (con 4 o più figli a carico). È stato introdotto dal Governo e reso operativo dall'Autorità per l’energia elettrica e il gas, con la collaborazione dei Comuni.
La riduzione viene applicata solo sui consumi del gas metano distribuito a rete (e non per il gas in bombola o GPL) nell'abitazione di residenza.

Il "Bonus acqua" è una riduzione sulle bollette dell'acqua riservata alle famiglie a basso reddito e a famiglie numerose (con 4 o più figli a carico)

Il Bonus è valido per 12 mesi e deve essere rinnovato presentando domanda di rinnovo entro due mesi dalla scadenza

 

Modalità di richiesta

E' possibile fare richiesta del bonus in ogni momento dell'anno per i dodici mesi successivi alla presentazione della domanda. Il bonus deve essere rinnovato ogni anno presentando domanda di rinnovo entro un mese dalla scadenza.

Per presentare la domanda è necessario compilare l'apposito modulo allegando:

  • l'attestazione Isee
  • documento di identità del titolare della fornitura
  • fattura completa della fornitura di energia elettrica
  • autocertificazione su Modulo E per il riconoscimento di famiglia numerosa (in caso di 4 o più figli a carico)
  • certificazione ASL o dichiarazione sostitutiva della certificazione ASL (in caso di disagio fisico)

Nel caso in cui la domanda non sia presentata dal titolare della fornitura, è necessario presentare anche delega e documento di identità del delegante.
 

 

Requisiti del richiedente

Per accedere al beneficio il cittadino deve avere i seguenti requisiti:

  • essere residente nel Comune presso il quale è effettuata la domanda;
  • essere un utente domestico di energia elettrica / gas (indicando i dati del punto di fornitura per il quale si richiede la compensazione, che deve coincidere con la propria dimora);
  • per il disagio economico, dimostrare di possedere un reddito annuo ISEE pari o inferiore a € 8.107,5 elevabile fino ad € 20.000 per famiglie con 4 o più figli a carico con apposita autocertificazione e delega qualora la domanda non sia consegnata direttamente dal richiedente, ma da qualcuno da lui delegato.
  • per il disagio economico, nel caso del bonus elettrico, avere una fornitura non superiore a 3 Kw. Il limite è esteso a 4,5 Kw per istanze presentate da soggetti con nucleo familiare superiore a 4 componenti;
  • per il disagio fisico, presentare un certificato ASL attestante le gravi condizioni di salute di uno dei componenti il nucleo familiare tali da richiedere utilizzo delle apparecchiature elettromedicali necessarie per la loro esistenza in vita.
  • se il richiedente è titolare del Reddito di Cittadinanza/Pensione di Cittadinanza potrà barrare l'apposita casella, indicare il protocollo della pratica e la data di inizio validità del Rdc/della Pdc.
  • Il richiedente, titolare di Rdc è tenuto comunque a compilare anche le informazioni relative al valore isee.

 

 

Informazioni

Dal 20 maggio 2019 con l'adeguamento del Sistema SGAte, con la deliberazione 165/2019/R/COM di Area del 7.05.2019 e alla successiva determina 01/2019 - DACU del 17.05.2019 è stato recepito la disposizione contenute nella Legge n.26/2019 istituiva del Reddito di Cittadinanza (rdC) e della Pensione di Cittadinanza (PdC), aggiornando di conseguenza la "modulistica per la presentazione della domanda" di ammissione/rinnovo dell'agevolazione (Documentazione)
La norma sopra citata, nella fattispecie, dispone l'estensione dei requisiti per l'accesso alle agevolazioni sulle tariffe energetiche per disagio economico prevedendo che possano richiedere il bonus elettrico e il bonus gas i cittadini titolari di RdC o PdC, anche in deroga alle soglie ISEE già previste. Tale estensione non si applica invece al bonus idrico, per cui restano ferme le soglie ISEE previste dal TIBSI.
Dal punto di vista degli strumenti, il recepimento delle norme sopra citate si traduce nell'integrazione del campo 3 del modello di Domanda Unica, con l'aggiunta di tre campi:
un campo "Beneficiario di RdC/PdC", campo obbligatorio che potrà avere valore SI oppure NO.
un campo "Protocollo assegnato per RdC/PdC"
un campo "Data inizio validità RdC/PdC".
Per maggiori informazioni consultare il sito "http://www.sgate.anci.it"

 

 

 

Avvertenze

Si ricorda inoltre che:

1. nel caso di presentazione della richiesta bonus tramite un delegato, occorre portare anche la seguente documentazione:

    fotocopia documento identità in corso di validità del delegato
    fotocopia documento identità in corso di validità del delegante

2. nel caso di rinnovo della domanda occorre portare anche la seguente documentazione:     attestazione dell'agevolazione in vigore (ricevuta rilasciata al momento della presentazione o comunicazione da parte di SGAte tramite posta

 

In caso di disagio fisico la procedura di rinnovo è automatica e non necessita di ulteriori domande.

 

Riferimenti e contatti

Ufficio
Ufficio Servizi Sociali
Referente
BARBERINO TAVARNELLE Sandro Cappellano - Costanza Fiore
Responsabile
Lucia Frosini
Indirizzo
Via B. Naldini 44 c/o Distretto Socio Sanitario Tavarnelle
Tel
055 8050873 - 055 8050820
Fax
055 8076657
E-mail
s.cappellano@barberinotavarnelle.it - c.fiore@barberinotavarnelle.it

FEEDBACK

 

Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

 

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *